Il Progetto

Crediamo nel potere del design, quello che ci aiuta a salvarci la vita lungo le strade affollate di traffico, che ci fa individuare un’uscita di emergenza a Tokyo come a Berlino, che consente a tutti – o quasi – di montare un mobile svedese.

Perciò con questo progetto vogliamo aprire una stagione di traduzione visiva delle norme e dei valori che regolano la nostra vita collettiva, perché diventino patrimonio comune diffuso, perché i traguardi della civiltà possano godere della forza che solo i simboli sanno sprigionare.

Abbiamo quindi cominciato dai primi 12 articoli di quella che viene definita la più bella Costituzione del mondo. Li abbiamo tradotti in simboli e successivamente in combinazioni di simboli, per disegnare la migliore espressione dello spirito contenuto nelle parole dei Costituenti. ↓

Art.1

L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.

La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo, sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale.

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto.

Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società.

La Repubblica, una e indivisibile, riconosce e promuove le autonomie locali; attua nei servizi che dipendono dallo Stato il più ampio decentramento amministrativo; adegua i principi ed i metodi della sua legislazione alle esigenze dell’autonomia e del decentramento.

La Repubblica tutela con apposite norme le minoranze linguistiche

Lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuno nel proprio ordine, indipendenti e sovrani.

I loro rapporti sono regolati dai Patti Lateranensi.

Le modificazioni dei Patti, accettate dalle due parti, non richiedono procedimento di revisione costituzionale.

Tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge.

Le confessioni religiose diverse dalla cattolica hanno diritto di organizzarsi secondo i propri statuti, in quanto non contrastino con l’ordinamento giuridico italiano.

I loro rapporti con lo Stato sono regolati per legge sulla base di intese con le relative rappresentanze.

La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica.

Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione.

L’ordinamento giuridico italiano si conforma alle norme del diritto internazionale generalmente riconosciute.

La condizione giuridica dello straniero è regolata dalla legge in conformità delle norme e dei trattati internazionali.

Lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l’effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione italiana, ha diritto d’asilo nel territorio della Repubblica, secondo le condizioni stabilite dalla legge.

Non è ammessa l’estradizione dello straniero per reati politici.

L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.

La bandiera della Repubblica è il tricolore italiano: verde, bianco e rosso, a tre bande verticali di eguali dimensioni.

Vogliamo che questo progetto sia adottato da chiunque vi si senta rappresentato. Vorremmo vederlo sui muri delle aule scolastiche o nelle sale consiliari, nelle piazze, sulle pareti delle camerette, lungo i binari delle metropolitane.

Perciò lo pubblichiamo in regime di Creative Commons Licence CC BY NC ND 

Se hai problemi di download o stampa:
info@marimo.it

I principi già tradotti in questo sito sono quelli fondamentali,  gli articoli sono 139: la Costituzione è la più ampia e attuale base della convivenza civile. Se fosse rispettata, virtualmente potrebbe garantire la felicità per ogni individuo e ogni comunità. 

*Noi sogniamo di avere un simbolo, un’infografica, o un’illustrazione per ciascuno dei 139 articoli

→ Se sei un graphic designer o un illustratore, scegline uno, esploralo con la tua arte, con libertà di tecnica e rigore di comunicazione.

Partecipa alla creazione della migliore UX mai disegnata per un testo di legge. A prima vista alcuni sembreranno irriducibili, ma nulla è impossibile al designer armato di matita e cervello.

→ Chi può partecipare: designers professionisti o
studi di grafica. È obbligatoria la maggiore età.
→ Deadline: 1 ottobre 2020.
→ Formato: poster 140 x 200 cm, file pdf a 300 dpi in CMYK.

Abbiamo diviso il lavoro in 76 parti, escludendo il Titolo V che sarà oggetto di specifici workshop. L’infografica di seguito segnala a chi intende partecipare gli articoli ancora disponibili o meno per le elaborazioni grafiche .

Disponibile Non Disponibile
Titolo VI - Garanzie costituzionali: Art. 134-139 Titolo IV - La Magistratura: Art. 101-113 Titolo III - Il Governo: Art. 92-100 (*3 Sezioni) Titolo II - Il Presidente della Repubblica: Art. 83-91 Titolo I - Parte 2, Ordinamento della Repubblica: Art. 55-82 Titolo I - Parte 1, Diritti e doveri dei cittadini: Art. 13-54 Art.

→ Titolo I
Parte 1. “Diritti e doveri dei cittadini”
Art. 13-54
Simboli o immagini concettuali.
Diritti e doveri dei cittadini sono norme di cui ci interessa diffondere lo spirito tramite sintesi visive potenti e ispiranti. Il contenuto dettagliato può essere veicolato solo dalle parole, l’immagine dovrà celebrare il valore che quella norma si propone di onorare.

131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354

Parte II. “Ordinamento della Repubblica”
Art. 55-82
Infografica.
L’ordinamento della Repubblica, cioè il suo meccanismo di funzionamento, è una informazione utile a tutti, e risulterà più comprensibile se illustrato da una buona infografica. Il lavoro, in una forma esteticamente rilevante, potrà contenere parole e sfruttare l’infografica per dare molte informazioni altrimenti complesse.

55565758596061626364656667686970717273747576777879808182

→ Titolo II. “Il Presidente della Repubblica”
Art. 83-91, gruppo di articoli per un unico designer.
9 tavole coerenti.
Le limitazioni e i contrappesi al potere sono un argomento rilevante per la democrazia. Richiediamo una serie di 9 sintesi visive svolte con lo stesso stile.

838485868788899091

→ Titolo III. “Il Governo”
Il funzionamento del Governo è tanto complesso quanto fondamentale da conoscere e risulterà più comprensibile se illustrato da una buona infografica. L’immagine, in una forma esteticamente rilevante, potrà contenere parole e sfruttare l’infografica per dare molte informazioni altrimenti complesse. Il numero di tavole necessarie a ogni insieme di articoli è a discrezione del designer purché coerenti tra loro.

Parte 1
Art. 92-96, gruppo di articoli per un unico designer.
Infografica

9293949596

Parte 2
Art. 97-98, gruppo di articoli per un unico designer.
Infografica

9798

Parte 3
Art. 99-100, gruppo di articoli per un unico designer.
Tavole collegate e coerenti, Infografica

99100

→ Titolo IV. “La Magistratura”
Parte 1
Art. 101
Simbolo o immagini concettuali.
L’articolo 101 ha un valore fondamentale che merita un simbolo netto.

101

Parte 2
Art. 102-110, gruppo di articoli per un unico designer.
Infografica
Dall’articolo 102 al 110 richiediamo uno svolgimento visivamente coerente con il principio enunciato nell’art. 101 ma diventa necessaria una tecnica di infografica esaustiva e dettagliata.

102103104105106107108109110

Parte 3
Art. 111
Tavole multiple.
L’articolo 111 risulta molto articolato e non sintetizzabile in un’unica tavola. L’invito è a svolgerlo in più parti, coerenti tra loro.

111

Parte 4
Art. 112-113, gruppo di articoli per un unico designer.
Tavole coerenti.
Per questi articoli indichiamo una traduzione con infografica e coerenza con l’art. 101.

112113

→ Titolo V. “Le Regioni, le Province, i Comuni”
Art. 114-133
Workshop.
Questi articoli della Costituzione per la loro ricchezza di contenuti e possibilità di traduzioni visive, riteniamo opportuno vengano approfonditi ed elaborati nell’ambito di workshop dedicati che, idealmente, affrontino il gruppo di articoli nel suo insieme.

→ Titolo VI. “Garanzie costituzionali”
Parte 1
Art. 134-137, gruppo di articoli per un unico designer.
Simboli o immagini concettuali

134135136137

Parte 2
Art. 138-139, gruppo di articoli per un unico designer
Simboli o immagini concettuali
Questi articoli parlano della Costituzione stessa e della Corte Costituzionale. Consigliamo ai designers uno stile coerente con i 12 principi fondamentali.

138139
Dimensione limite (15Mb)
Dimensione limite (10Mb)
Inviare un pdf o un pacchetto compresso (zip,rar,gz). Dimensione limite (20Mb)

✓ Il progetto finito diventerà questo sito. E magari un libro o una mostra itinerante. Sarà il contributo dei creativi affinché questi anni ‘20 siano pieni di bellezza, comprensione, senso e umanità.

Per maggior informazioni:
info@marimo.it